Andrea Casuscelli, da vittima al Red Carpet di Venezia 78

Andrea Casuscelli è pronto a prendersi la sua rivincita: l’attore e modello vicentino che fu vittima di un’aggressione omofoba sfilerà sul red carpet della 78esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Era il 14 marzo scorso quando Andrea, vent’anni ancora da compiere, venne adescato da quello che credeva un amico e assalito da un branco di dodici ragazzi, tutti adolescenti. Il motivo? La sua passione per il pattinaggio, uno sport considerato troppo “femminile”.

Dell’aggressione – che gli causò numerose fratture al volto – parlarono i giornali e la televisione, e la sua storia fece il giro d’Italia. Nonostante la solidarietà giunta da ogni angolo del Paese, però, Andrea dovette fare i conti con un disturbo post traumatico da stress e non riuscì a concludere le scuole superiori.

Ma oggi Andrea è pronto a lasciarsi il passato alle spalle e guardare al futuro: attualmente impegnato sul set del cortometraggio “Benzos” nel ruolo di protagonista, Casuscelli sarà presente alla più celebre kermesse cinematografica italiana in qualità di attore emergente e sfilerà sull’ambito red carpet a partire dalle ore 16 di oggi, giovedì 9 settembre.

“Sono molto soddisfatto di questo mio primo grande traguardo: calcare il tappeto rosso più antico della storia del cinema è un immenso orgoglio”, ha commentato Andrea Casuscelli. “Mentre aspetto una sentenza che mi dia finalmente un po’ di giustizia, arrivare a Venezia 78 è già, per me, grande motivo di riscatto”.

“Se sono qui – ha aggiunto – è grazie alla mia famiglia, che mi è rimasta vicina in ogni momento, e alla mia agente Tiziana Deodato, che ha sempre creduto in me e nelle mie potenzialità. Il mio futuro – conclude Casuscelli – parte da qui”.

I commenti sono chiusi.